title_dotsUsi e consuetudini dell’attività pubblicitaria

Oggetto dell’incarico

L’oggetto dell’incarico che l’utente affida all’operatore pubblicitario è costituito dallo studio, ideazione, programmazione, realizzazione e controllo delle campagne pubblicitarie per determinati prodotti/servizi /imprese e per il periodo di tempo stabilito

Approvazioni-autorizzazioni

Tutti gli aspetti di ideazione e programmazione delle campagna ( testi, bozzetti, sceneggiature, illustrazioni, fotografie, piani, mezzi, preventivi di costo devono essere preventivamente approvati dall’utente prima di entrare nella fase produttiva esecutiva. L’utente può apportare variazioni successive quantitative, qualitative e temporali, ma sono a suo carico tutti i relativi costi e le eventuali penalità.

Remunerazione

Si suole pattuire il compenso per gli operatori pubblicitari pari al 15% al netto delle tasse ed imposte sull’importo globale della campagna pubblicitaria (budget). Tale compenso non comprende i costi di esecuzione e produzione che vengono fatturati a parte in base a preventivi accettati e/o tariffari nazionali. Detti costi concorrono però a formare il budget e su di essi viene calcolato il compenso dell’operatore pubblicitario.
Per le singole azioni di comunicazione ed immagine o per budget esigui si pattuisce un compenso non a percentuale ma fisso. Tale compenso remunera in modo separato la fase creativa da quella esecutiva/produttiva.

Distribuzione del materiale

Il materiale pubblicitario, se non richiesto in restituzione, può venire distrutto dopo un anno dall’ultimo utilizzo.

 

Scarica: Usi e Consuetudini di Pubblicità della CCIA – Torino

Scarica: Estratto Cap. XI attività pubblicitaria da Usi e Consuetudini di Pubblicità della CCIA – Torino

Scarica: Usi in tema di pubblicità della Camera di Commercio – Milano

Scarica  Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale