Il focus dell’incontro UPA 2018 è stato focalizzato dal compimento dei settanta della stessa associazione nata appunto nel 1948.
La relazione del presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi così recita:

“UPA compie i baldanzosi settant’anni.
È occorso tanto tempo per diventare giovani, generare e rigenerarsi per noi classe 1948, l’anno in cui un gruppo di imprese costituisce il primo nucleo associativo di quello che diventerà un volano di potente dinamismo.
Settant’anni di storia fondati su un progetto chiaro: la forza della trasparenza,la determinazione sulla responsabilità e l’attenzione all’innovazione.
Per assonanza con i settant’anni di UPA abbiamo scelto, per questa ricorrenza, immagini degli anni ’70: un ergot psichedelico rivelatore della mente in voga in quei tempi lisergici in cui emergeva la comunicazione come intersecazione dei linguaggi. Il fascio di luce survoltata che creava e illuminava i colori: accenditi, sintonizzati, abbandonati, un codice che apriva le porte della conoscenza.
Oggi arranchiamo in un innominabile attuale che vorremmo non fosse solo disorientamento, ma anche animazione delle potenze creatrici che hanno caratterizzato la nostra storia.”

Il gruppo dirigente AICI ha partecipato all’incontro UPA che si è tenuto il 4 luglio 2018 al teatro Strelher di Milano, vedi foto.